Cosa vedere a Lucca in giornata

Cittadina a circa 50 km da Firenze, Lucca è l’ideale per una bella gita fuori porta. Con la sua cinta muraria cinquecentesca che racchiude un caratteristico centro ricco di monumenti e palazzi storici. Ecco in un giorno a Lucca cosa potete fare!

ITINERARIO

LE MURA CINQUECENTESCHE

Se arrivate a Lucca in mattinata, partite da Porta San Pietro e cominciate la vostra giornata con una passeggiata sulle caratteristiche mura cinquecentesche. Le mura racchiudono l’intero centro storico in un anello di 4 km completamente percorribile. Lungo il percorso ombreggiato incontrerete l’Orto Botanico, la prima attrazione di Lucca con cui cominciare la vostra visita!

Orto botanico Lucca

Potrete scegliere di acquistare un biglietto cumulativo che vi permetterà di visitare oltre all’Orto Botanico, anche la Torre Guinigi e la Torre delle Ore.

PIAZZA NAPOLEONE

Dopo il giro delle mura, vi troverete di nuovo a Porta San Petronio e da qui cominciate la visita del centro storico. Cominciate raggiungendo la piazza più importante della città, Piazza Napoleone!

Piazza Napoleone Lucca

Conosciuta in città con il nome di Piazza Grande, venne dedicata a Napoleone da sua sorella Elisa Bonaparte Baciocchi. La sorella, che guidò il Principato di Lucca dal 1805 al 1815, la fece trasformare in modo da dare evidenza al Palazzo Ducale. Per fare questo vennero demolite le case circostanti, nonché una torre, botteghe e magazzini. Infine, per abbellire la piazza vennero piantati dei platani, tuttora presenti.

LE CHIESE DI LUCCA – CHIESA DI SAN MICHELE IN FORO

Lucca viene chiamata anche “la città delle 100 chiese”, ma visitarle tutte in un giorno è impossibile! Quindi concentreremo questo tour con le più belli ed importanti, che per non appesantire troppo la giornata saranno solo tre!

Chiesa di S. Michele in Foro

Usciti quindi dalla piazza in direzione della Chiesa di San Michele in Foro, situata sull’area di quello che era una volta il Foro Romano. La sua presenza è documentata sin dall’anno 795. La sua costruzione, che venne in realtà protratta nel tempo, ha portato alla stratificazione di diversi stili che vanno dal romanico al gotico e che conferiscono all’edificio un’architettura particolarmente insolita e dalle proporzioni irregolari. La caratteristica principale di questa chiesa si ritrova nell’alta facciata a vela ricchissima di sculture ed intarsi, ornata con quattro ordini di logge. Sulla sommità spicca l’enorme statua alta 4 metri in marmo con ali a lamine metalliche dell’Arcangelo Michele nell’atto di sconfiggere il drago.

Su questa statua esiste una leggenda: si narra che, quando la giornata è particolarmente luminosa, si può scorgere uno scintillio che proviene proprio dalla sommità e che sarebbe uno smeraldo rimasto incastonato nella statua in tempi antichi che non è mai stato ritrovato.

All’interno della chiesa potrete ammirerete tre importanti opere d’arte: la pala in terracotta smaltata della Madonna col bambino di Andrea della Robbia; la Pala Magrini di Filippino Lippi del 1483, che raffigura San Rocco, San Sebastiano, San Girolamo e Santa Elena e un altorilievo della Vergine scolpito da Raffaello di Montelupo.

TORRE DELLE ORE

Torre delle Ore Lucca

Oltre ad essere “la città delle 100 chiese”, Lucca era anche la città delle torri infatti in epoca medioevale se ne contavano oltre 250. Ora a testimonianza di questo passato ne rimangono pochissime, tra cui proprio la Torre delle Ore, sede di un orologio per la scansione delle ore già dal 1390. Si tratta della torre più alta della città e per raggiungere la cima dovrete salire i 207 gradini della scala originaria in legno perfettamente conservata. A vista il meccanismo dell’orologio a carica manuale, uno dei più interessanti ancora funzionanti in Europa. La torre, alta 50 metri rappresenta una delle 130 torri medioevali ancora esistenti in città.

CHIESE DI LUCCA – BASILICA DI SAN FREDIANO

Finita la visita alla torre, potrete raggiungere la seconda chiesa prevista in questo tour, la Basilica di San Frediano. Si tratta di una delle più antiche chiese di Lucca, infatti se ne trovano testimonianze in documenti del 685 con il nome di Basilica Longobardorum.

Basilica di S. Frediano

Nonostante i diversi interventi subiti nei secoli, la Basilica ha mantenuto un aspetto medioevale predominante. Spiccherà subito agli occhi, l’imponente mosaico posto sulla facciata principale della chiesa. L’immagine raffigura di Cristo Redentore che ascende al cielo in una mandorla portata dagli angeli. All’interno la Basilica di S. Frediano è suddivisa in tre navate ed è regolata da due magnifici colonnati ad archi uguali. Rimarrete colpiti dal fonte battesimale del XII secolo che si trova nello spazio adibito a battistero, a destra dell’entrata, il fonte è abbellito con rilievi che raffigurano le storie di Mosè, gli Apostoli e i Mesi.

PIAZZA ANFITEATRO

Usciti dalla Basilica, con una brevissima passeggiata arriverete alla Piazza più caratteristica di Lucca, quella dell’Anfiteatro!

Piazza Anfiteatro Lucca

La piazza prende il nome appunto dal vecchio foro, ed è proprio sulla struttura originaria di forma ellittica tipica degli anfiteatri romani che è stata costruita l’attuale piazza e gli edifici che la circondano, mantenendone la forma della pianta originale. In questa piazza potrete godervi un caffè o uno spuntino in uno dei tanti bar e ristorantini, oppure acquistare qualche prodotto locale!

Alla piazza si accede da quattro punti costituiti da altrettante porte a volta, ma solo la più bassa ricalca esattamente uno degli accessi originari. Una curiosità, cercate al centro della piazza la mattonella con incisa una croce, questo indica il punto esatto di intersezione deli quattro ingressi!

TORRE GUINIGI

Torre Guinigi

Finito il giro della piazza dirigetevi in uno dei più caratteristici luoghi di Lucca, la Torre Guinigi.

La Torre fa parte di un’imponente costruzione voluta dalla famiglia Guinigi, ricchi e potenti mercanti lucchesi del secolo XIV, è’ alta 44,25 metri, e la caratteristica più importante è il giardino pensile che si trova sulla sommità. So che la scalata alla torre sarà faticosa, dovrete infatti salire 230 gradini per raggiungere la cima, ma ne varrà la pena!

Per visitare la torre è necessario acquistare il biglietto, per maggiori informazioni potete visitare il sito del Comune di Lucca.

CHIESE DI LUCCA – DUOMO DI SAN MARTINO

Concludiamo il giro del centro storico con la terza e ultima chiesa, il Duomo di San Martino che fu fondata nel VI secolo da San Frediano, e nell’VIII secolo era divenuta cattedrale al posto dell’antichissima SS. Giovanni e Reparata. La facciata romanica è asimmetrica, infatti un’arcata del portico, realizzato nel XII secolo, è più piccola a causa della presenza di un preesistente campanile alto 60 metri e dotato di 7 campane! I portali d’ingresso sono incorniciati da ricche decorazioni in pietra dove si possono ammirare il Ciclo dei Mesi e le Storie di San Martino. Sul pilastro a ridosso del campanile si trova l’affascinante scultura del labirinto, simbolo legato al tema del pellegrinaggio e per questo presente anche in altre chiese poste lungo la via Francigena. Infatti, il Duomo è una delle mete fondamentali per i pellegrini che intraprendono il Cammino della via Francigena!

Duomo di San Martino Facciata e vista dall'alto

La pianta della chiesa è a croce latina con tre navate. All’interno potrete ammirare alcuni capolavori come il monumento funebre di Ilaria del Carretto, la Sacra Conversazione del Ghirlandaio, l’Ultima Cena del Tintoretto e la pala d’altare di Fra’ Bartolomeo. Però, l’opera più importante custodita nel Duomo è sicuramente il Volto Santo, un crocifisso ligneo che la Leggenda vuole scolpito da Nicodemo e dagli angeli e che attraverso i secoli continua a trasmettere con il suo sguardo un forte senso di spiritualità.

Per visitare il Duomo è necessario acquistare il biglietto, per tutte le informazioni potete consultare il sito ufficiale del Duomo .

MUSEO NAZIONALE DI PALAZZO MANSI

Se amate i musei e in questa giornata di visite vi fosse rimasto del tempo, non perdete l’occasione di visitare il Museo nazionale di Palazzo Mansi, vero e proprio museo-residenza, costituisce un documento esemplare delle dimore dei mercanti lucchesi.

La residenza conserva gran parte degli arredi originari e un prezioso ciclo di arazzi di manifattura di Bruxelles, qui è custodita anche la Pinacoteca con dipinti dal XVI al XVIII secolo. Al secondo piano sono allestite le sezioni della Pinacoteca dedicate all’Ottocento e al Novecento e negli ambienti che accoglievano le cucine del palazzo è collocato il Laboratorio di tessitura rustica Maria Niemack, che espone telai e strumenti otto-novecenteschi.

Per informazioni su ingressi e orari, potete consultare il sito del museo.

PRODOTTI TIPICI DI LUCCA

Una bella giornata di visite non sarà completa se non assaggiate qualche piatto tipico! Lucca si trova in Toscana, quindi potrete gustare tutti i famosi piatti della cucina toscana, ma Lucca offre anche prodotti unici, tipici di questo territorio.

PRIMI PIATTI, ZUPPE E MINESTRE

Per rispettare la tradizione toscana delle zuppe, Lucca propone ben tre eccellenza, la minestra di farro della Garfagnana la zuppa alla frantoiana e infine la Garmugia, una zuppa composta da verdure quali piselli, carciofi, asparagi e fave, arricchita da pancetta e carne.

Passando ai primi piatti troviamo i Tordelli, esattamente con la “D”, una pasta sfoglia ripiena di carne, mortadella, bietola, pane casalingo ammollato nel brodo, cipolla, odori, spezie e parmigiano. Questo ricco piatto viene solitamente servito con  ragù di carne.

I Matuffi sono invece terrine a base di polenta, che viene alternata a strati con sugo di carne, funghi e parmigiano.

SECONDI PIATTI

Le Rovelline lucchesi sono fettine di carne di manzo passate nel pangrattato e nell’uovo, fritte, ed in seguito, ripassate in padella con pomodoro e capperi. Per fare la “scarpetta”, non dimenticate di provare il pane di patate!

IL Biroldo, salume tipico della Garfagnana  Si tratta in pratica di una via di mezzo tra la coppa di testa, tipica toscana, e il sanguinaccio.

Pane di patate,

DOLCI

Torta d’erbi, un dolce un po’ salato, costituito da una pasta frolla di forma rotonda cotta in forno, lo stampo viene riempito con una crema a base di bietole a cui si possono aggiungere ingredienti come frutta candita, pinoli, uva passa e una spolverata di formaggi. 

Il famoso Buccellato, un pane arricchito con uva passa e anice, poi spennellato con zucchero e uovo in modo da regalargli un colore lucido marrone scuro.

Se questo articolo vi è piaciuto, potete trovare tante altre idee visitando il sito, e rimanere aggiornati su nuovi articoli mettendo un like alla pagina Facebook di “Un Viaggio in Mente“!

Qui sotto potete trovare il percorso appena descritto! Buona visita e buon weekend.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scroll on top