In viaggio con il tè

Si dice spesso che “Ogni viaggio lo vivi tre volte, quando lo sogni, quando lo vivi e quando lo ricordi”. Proprio in questo periodo in cui viaggiare risulta complicato, una buona tazza di tè può far rivivere in noi ricordi di momenti passati in viaggio.

Bere una tazza di tè è il momento giusto per rilassarsi e riflettere. Così tornano in mente ricordi di viaggio, legati a odori e sapori, oppure a momenti in cui abbiamo proprio bevuto un tè mentre eravamo in vacanza.

Non so se avete mai avuto l’occasione di leggere Marcel Proust, ma nel libro “Dalla parte di Swann”, il primo volume dell’opera “Alla ricerca del tempo perduto”, si fa proprio riferimento al ricordo, in questo caso riportato alla memoria da un dolcetto maddleine intinto in una tisana. Quando mi tornano alla mente ricordi improvvisi legati ad un odore o a un sapore penso sempre a questo testo.

Faccio così anche in cucina, quando ho voglia di ricordare la Grecia, preparo una bella cena a base di piatti grechi e quando ho voglia di Spagna, preparo la paella. E quando mi rilasso, ricordo i miei viaggi con una calda tazza di tè.

Tè alla menta
Tè alla menta

Già mettere il naso nel barattolo e aspirare i profumi porta alla mente ricordi accantonati. Chi è stato in Marocco o in Nord Africa, ha di certo provato un caldissimo tè alla menta. Bevuto nel deserto o al tavolo di un caffè, chi lo prova non può non associare il profumo di menta fresca a questi luoghi.

Così per chi ama l’Africa, niente di meglio di un tè Rooibos che con il suo gusto denso e avvolgente vi porterà nell’assolata savana. Il Rooibos, detto anche tè rosso africano, è un infuso ricavato dalle foglie dell’omonima pianta, il cui nome vuol proprio dire “arbusto rosso”.

Siete mai stati in Turchia? Io si e associo questa terra ai petali di rosa, infatti producono una specie di marmellata fatta appunto con i petali, dolce e profumata mi ricorda sempre questa terra. Così quando bevo una tisana ai boccioli di rosa mi ricordo sempre il mio viaggio on the road di tanti anni fa! Questa tisana è profumata e buona da bere, ma è anche bellissima da vedere, infatti i piccoli fiorellini tingono l’acqua di lilla.

Tè verde giapponese
Tè verde giapponese

Se volete ricordare il Giappone, niente di meglio di un salutare e delicato tè verde. Se poi siete cultori del tè, niente di meglio del tè verde matcha, la varietà utilizzata durante la cerimonia del tè. Questo particolare prodotto si ottiene da germogli lasciati maturare al riparo dalla luce del sole per circa venti giorni prima della raccolta.

Per chi ha avuto la fortuna di visitare l’India, niente di meglio del sapore speziato di un tè Chai. Il suo gusto forte e di carattere fa pensare alle strade affollate e alla spiritualità di queste terre.

Sono le 17:00 e vi è venuta voglia di bere qualcosa di caldo? È l’ora del tè anche in Gran Bretagna, quindi niente di meglio che bere una tazza di Earl Grey: il tè nero aromatizzato al bergamotto, vera istituzione in questo paese.

Tè in una tazza di porcellana
Tè inglese

Ma i tè sono così tanti, da quelli classici a quelli aromatizzati, così con una tisana agli agrumi si ricorda il calore della Sicilia e con una tisana aromatizzata alla lavanda si torna nei campi della Provenza in una giornata d’estate. Ognuno di noi ha la sua ricetta, il suo tè o la sua tisana che tra odori e sapori lo portano in viaggio. In un ricordo vicino o lontano di un viaggio passato. Per viaggiare non serve poi molto, una tazza calda tra le mani, una buona tisana e la voglia di ricordare.

Io amo sorseggiare il tè, mi conforta e mi scalda il cuore, così mentre mi rilasso ricordo i posti che ho già visitato e i luoghi che vorrei resto scoprire.

E voi? Avete un odore o un sapore che vi ricordano una terra lontana? Avete un tè o una tisana che vi confortano e vi fanno ricordare i vostri viaggi? Se ci pensate bene, credo proprio di si!

Se questo articolo vi è piaciuto, potete rimanere aggiornati su nuovi articoli mettendo un like alla pagina Facebook di “Un Viaggio in Mente“!!.

16 Risposte a “In viaggio con il tè”

    1. Una vera appassionata allora! Io non ano il caffè americano, ma dopo il mio viaggio a NY ci sono alcuni cibi che mi fanno proprio viaggiare con la mente nella Grande Mela!

  1. Guarda in quanti posti bellissimi ti può portare una semplice tazza di tè! è proprio vero, è possibile fare un viaggio incredibile! Io sono un tipo più da tisana che da tè. Le prendo spesso prima di andare a dormire, per darmi energia, per mettere in ordine lo stomaco o rilassarmi. Le erbe sono miracolose!

    1. Anche io diciamo che bevo di tutto, infatti la tisana alla rosa mi è davvero molto cara perchè l’associo pienamente ad un viaggio in Turchia di tanti anni fa. Però ci sono anche tanti cibi e tante altre bevande che associo ai viaggi, farei fatica a contarle tutte!

  2. Io adoro il tè e quando viaggio, se capito in luoghi dove viene prodotto il tè, lo compro sempre e me lo porto a casa. Ho anche una piccola collezione di scatole di tè da tutto il mondo. Insomma, non posso stare… senza tè! 😀

    1. Anche a me è capitato spesso di comprare tè all’estero e di portarlo a casa! L’idea di collezionare le scatole è davvero carinissima, può diventare anche un interessante argomento di conversazione raccontare tutti i luoghi dove le hai acquistate.

  3. Cero che mi ricordo Proust, hai ragione anche io associo spesso i ricordi. Per tè ho però più un’assonanza visiva, mi porta soprattutto alle piantagioni viste in Sri Lanka sarà che mi avevano colpito molto così ambientate in un’isola tropicale.

    1. Si immagino anche io che panorami del genere vengano poi associati facilmente ad una località, mi hai dato un’idea per scrivere un articolo per ognuno dei 5 sensi!

  4. Che bello, mi hai fatto viaggiare per il mondo ricordando i vari tè bevuti durante i viaggi. L’ultimo, dell’anno scorso, il viaggio in India. Come non collegarlo al Chai, onnipresente e delizioso? Ho provato anche a rifarlo a casa e devo dire che viene molto simile a quello Indiano…

    1. Che bello! Allora hai la ricetta per viaggiare con la mente in India tutte le volte che vuoi! Io questo tè non lo conosco, ma proverò ad assaggiarlo presto, immagino che mi piacerà!

  5. Mi piace molto il té. Tra questi che hai citato ho assaggiato il té verde in Giappone e il té rooibos a Tenerife. Quest’ultimo probabilmente non avrà lo stesso sapore di quello in Africa, ma devo ammettere che era molto buono.

    1. Deve essere bellissimo bere tè verde in Giappone, come gusto lo conosco, ma immagino sia differente dal gusto che ha bevendolo proprio in Giappone!

  6. Quando penso ai miei viaggi mi viene subito in mente il profumo e il sapore del coriandolo fresco. Un aroma che mi parla di Sudest asiatico, di India, ma anche di Perù.

    1. E’ bello sapere che anche per altri un odore o un sapore possono ricordare terre lontane, possiamo dire di avere i “sapori di casa”, ma anche i “sapori dei ricordi di viaggio”.

  7. Amo l’Africa e bevo litri di Robois (sia caldo che freddo). Sono stata qualche giorno in Sri Lanka nelle piantagioni di tè ed ho imparato ad apprezzarlo e soprattutto a prepararlo nel modo giusto. Un buon tè è sempre consolatorio, ristoratore e energizzante.

    1. Hai ragione anche io bevo spesso il tè, è una coccola che corrobora il corpo. A me piace il tè alla rosa, perchè mi ricorda la Turchia!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scroll on top
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: