Un fine settimana nel Chianti

Un weekend per scoprire le bellezze della Toscana, nelle terre del Chianti, tra Radda di Chianti, Volpaia e la bella San Giminiano

Il Chianti è una zona molto famosa della Toscana che si estende nell’area compresa tra Firenze e Siena, anche se con contorni non proprio netti. E’ una zona contraddistinta da un paesaggio collinare in cui si incontrano piccoli borghi, viali alberati e gli immancabili vigneti per la produzione del Chianti. Un weekend in questa zona è sinonimo di relax, all’insegna del buon vino e del buon cibo. Qui vi racconto la nostra esperienza nelle belle del Chianti, in un weekend di tre giorni.

Noi siamo partiti da una zona non molto lontana dalla Toscana e siamo arrivati nel Chianti verso l’ora di pranzo, dove abbia scelto come prima tappa del nostro mini-tour, il borgo di Radda di Chianti.

Radda di Chianti

Uno scorcio del borgo di Radda di Chianti
Radda di Chianti

E’ un bellissimo borgo medievale cinto da mura di pietra che è possibile visitare in circa un’ora. E’ situato sulla cima del colle che divide le valli di Arbia e Pesa. Il suo aspetto tipicamente medievale,  è caratterizzato da stradine strette, ed edifici in pietra. Nel poco tempo che abbiamo trascorso in questo borgo abbiamo respirato pace e tranquillità. Per festeggiare l’inizio di questa vacanza ci siamo fermati a stuzzicare qualcosa in uno dei tanti locali presenti nel borgo, noi abbiamo optato per la Bottega di Giovannino. Locale piccolo, con qualche tavolino all’esterno , in cui abbiamo assaggiato ottimi crostini abbinati ad un buon bicchiere di vino.

Radda è stata la capitale del Chianti, la posizione strategica lo rendeva il punto di congiunzione perfetto tra le cittadine di Gaiole e Castellina. Il panorama mozzafiato e la sua struttura tipicamente medioevale, lo rendono una delle tappe obbligate in una visita nel Chianti.

A circa 15 chilometri da Radda di Chianti, si trova il Parco Sculture nel Chianti , uno dei tanti parchi en plein air della Toscana in cui ammirare una mostra permanente di installazioni e sculture di arte contemporanea, integrate nella natura.

I crostini della Bottega di Giovannino a Radda di Chianti
I crostini della Bottega di Giovannino

Castello di Volpaia

In attesa di raggiungere il nostro alloggio, abbiamo deciso di fermarci per una seconda tappa al Castello di Volpaia. Il castello è sede dell’omonima cantina e anche di una residenza in cui è possibile soggiornare. Noi ci siamo limitati a pranzare al Bar-ucci, locale con zona all’aperto dotata di ombrelloni e tavolini, ideale per un pasto veloce in una giornata di sole.

Raggiunto il nostro agriturismo e passate le prime ore del pomeriggio, eccoci pronti per la degustazione di Chianti. Vi informo che marzo non è la stagione migliore per questo tipo di visite, infatti la maggior parte delle cantine inaugura il periodo delle visite dopo Pasqua, ma abbiamo trovato comunque un’ottima soluzione presso la Monterinaldi Winery.

Degustazione di vini del Chianti

Questa azienda vinicola propone molte attività, tra cui 3 differenti tipi di degustazione, scuola di cucina toscana e molto altro, sul loro sito intrnet troverete tutte le informazione. La degustazione di vini si tiene in un vecchio pollai ristrutturato, trasformato in una zona ristoro accogliente e di sicuro impatto. L’azienda vinicola è dotata anche di un’area shop in cui è possibile acquistare vini e olio d’oliva.

Per finire in bellezza questa giornata, non ci manca che la cena! Seguendo i consigli di TripAdvisor ci siamo diretti all’Osteria Rifugio del Chianti che si trova esattamente nella Località di Badia a Montemuro. Il locale è minuscolo e nascosto dietro una curva, un po’ difficile da trovare , ma ne vale la pena. Oltre al proprietario molto simpatico, i piatti sono ottimi e curati, non ve ne pentirete.

Se anche voi volete provare l’esperienza di partecipare ad una degustazione di vini, vi informo che la maggior parte delle cantine apre a partire dalla seconda metà del mese di aprile. Infatti, è in questo periodo in cui cominciano ad arrivare nel Chianti i turisti internazionali, che animano i borghi e riempiono le cantine. Noi abbiamo comunque trovato una bella soluzione, arrivando in questa zona a fine marzo, ma sicuramente scegliendo un periodo differente, avremmo avuto più scelta.

San Gimignano

Un weekend è troppo poco per visitare tutte le attrazioni di questa terra meravigliosa, ma abbiamo concluso la nostra breve vacanza visitando il borgo di San Gimignano. Per chi ancora non lo conosce, il borgo di San Gimignano, è una piccola città fortificata a metà strada tra Firenze e Siena più precisamente nella Val D’Elsa.

Il borgo è famoso soprattutto per le sue torri medievali che svettano alte, dove la torre più antica è Torre Rognosa, alta 51 metri, mentre la più alta è la Torre del Podestà, detta anche Torre Grossa, di 54 metri. San Gimignano è meravigliosa, ricca di botteghe in cui acquistare prodotti tipici e ristoranti in cui assaggiare le specialità toscane.

Palazzo Comunale in Piazza del Duomo a San Gimignano nel Chianti
Palazzo Comunale in Piazza del Duomo

Cosa vedere a San Gimignano

Le attrazioni di San Gimignano sono molte, ma di sicuro in una visita non devono mancare:

  • Passeggiata delle Mura: è possibile passeggiare per ammirare le mura che delimitano il centro storico di San Gimignano, ca. 2.176 metri. Lungo il percorso, accessibile da vari punti, sia dall’interno che dall’esterno, è possibile ammirare dei bellisimi panorami della Valdelsa.
  • Piazza della Cisterna: attraverso l’Arco dei Becci e dei Cugnanesi si entra nella più bella piazza della città, antica sede di botteghe e taverne, che deve il suo attuale nome al pozzo ottagonale, posizionato al centro della piazza. In precedenza tale piazza si chiamava Piazza delle Taverne e poi, per un grande albero che vi si trovava, Piazza dell’Olmo
  • Torre Grossa: aa torre più alta di San Gimignano, a fianco del Palazzo Comunale, in Piazza del Duomo, può essere visitata salendo i suoi innumerevoli scalini. La fatica di questa visita verrà ripagata dalla meravigliosa vista di cui goderete una volta raggiunta la cima.
  • Piazza del Duomo: dapiazza della Cisterna si entra nella piazza del Duomo, dove potrete ammirare sulla sinistra il Palazzo Comunale, e la scalinata che porta all’ingresso del Duomo (o Basilica Collegiata di Santa Maria Assunta).

Per concludere il nostro breve weekend in Toscana, abbiamo pranzato nel ristorante Perucà, sempre a San Gimignano, dove ho avuto l’occasione di assaggiare i famosi pici all’aglione, un piatto tipico di queste parti.

Come avete capito, il Chianti è una piccola- grande regione che merita sicuramente una visita, anche se breve come la nostra. Potrete sbizzarrirvi a visitare borghi, degustare vini e assaggiare ottimi piatti tipici, tutto sempre in un’aria rilassata e vacanziera.

Se questo articolo vi è piaciuto, potete rimanere aggiornati sulle prossime uscite del blog, mettendo un like alla pagina Facebook di Un Viaggio in Mente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scroll on top
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: