Cosa vedere a Merano e dintorni in 2 giorni

Merano è una meta amata sia per il turismo estivo che per quello invernale. Gettonatissima nel periodo natalizio, quando si tiene il suo famoso Mercatino di Natale. Merano è una piccola città del Trentino-Alto Adige, ma sono tante le cose da vedere a Merano e dintorni in due giorni.

Noi siamo stati fortunati e nel nostro fine settimana abbia trovato un sole splendente e un clima mite, ideale per percorrere alcune delle passeggiate che caratterizzano il paese e per scattare foto al top!

Cosa vedere a Merano: le passeggiate

Il paese, tagliato in due dal torrente Passirio, è ricco di brevi sentieri per poter fare una camminata, nominati appunto “Passeggiate”, lunghe al massimo pochi chilometri, sono l’ideale per scoprire il paese durante una giornata soleggiata.

Vista della passeggiata lungo Passirio a Merano
Passeggiata Lungo Passirio

Passeggiata Lungo Passirio

Cominciando appunto dal Passirio, la passeggiata prende il nome del torrente e si sviluppa lungo la riva destra del corso d’acqua, in pieno centro. Se ne distinguono due tratti, uno compreso fra ponte della Posta e ponte Teatro, l’altro che da qui approda al ponte di Ferro. È lungo questa passeggiata che si sviluppano i Mercatini di Natale di Merano.

Lunghezza del percorso: 1,1 km.

Passeggiata Tappeiner

Vista dalla passeggiata Tappeiner a Merano - Foto di flyupmike da Pixabay
Passeggiata Tappeiner

Questo suggestiva passeggiata, considerata tra le più belle d’Europa, unisce la Passeggiata Gilf alla località Quarazze lungo la china di Monte Benedetto offrendo, a 380 metri d’altezza, meravigliose vedute. La Passeggiata prende il nome da un medico, appunto Franz Tappeiner che ne permise la realizzazione, grazie alle sue donazioni, a partire dal 1893. Oltre a ristoranti, caffè e punti di sosta, durante il percorso incontrerete una rigogliosa vegetazione costituita da cipressi e pini mediterranei, ulivi, palme, magnolie, fichi d’india, eucalipti ecc.

Lunghezza del percorso: 4 km.

Passeggiata Gilf

Realizzata fra il 1871 e il 1885, la Passeggiata Gilf comincia dal ponte romano e si ricollega alla Passeggiata Tappeiner. La maggore attrazione del percorso sono sicuramente le sculture floreali, posizionate presso la gola del Gilf. Il Gilf è una gola che incanala l’acqua del Passirio creando così una cascata.

Lunghezza del percorso: 1 km.

Passeggiata d’Inverno

La passeggiata d’inverno, collega il ponte della Posta sulla riva destra del Fiume Passirio, alla Gola della Gilf. La sua posizione soleggiata rende questa promenade piacevole da percorrere anche d’inverno. Si tratta della prosecuzione della passeggiata Lungo Passirio ed è caratterizzata dalla “Wandelhalle”, la passeggiata coperta, che permette di percorrere il sentiero anche in caso di maltempo.

Lunghezza del percorso: 0,7 km.

Passeggiata d’Estate

Passeggiata d'estate la statua di Sissi - Foto di photosforyou da Pixabay
Parco di Sissi

Si tratta della “gemella” della Passeggiata d’Inverno e opposta rispetto a questa. La prima soleggiata e calda permette di godere del tepore del sole nelle fredde giornate invernali. Questa, riparata e all’ombra, fa trovare refrigerio ai camminatori nelle giornate estive. La passeggiata inizia con il Parco di Sissi, in cui è visibile la scultura in marmo dell’Imperatrice Elisabetta d’Austria (Sissi).

Lunghezza del percorso: 0,7 km.

Sentiero di Sissi

Il sentiero tocca i luoghi del cuore della Principessa Sissi, durante i suoi soggiorni a Merano. Sissi soggiornò per ben quattro volte in città nella seconda metà del XIX secolo. La Principessa soggiornò a Merano per la prima volta nel 1870, per trascorrere qui un soggiorno invernale a Castel Trauttmansdorff. Grazie a questo soggiorno, Merano divenne famosa a livello europeo. Il Sentiero di Sissi, parte dal centro città ed è composto da undici tappe, legate in qualche modo alla principessa. Si passa attraverso il Parco di Elisabetta, la Wandelhalle, il Ponte Romano e alcune residenze private, fino ad arrivare ai Giardini di Castel Trauttmansdorff.

Lunghezza del percorso: 3 km.

Cosa vedere a Merano: le Terme

Tra le attrazioni da vedere a Merano, ma soprattutto da provare, ci sono le terme. In pieno centro, ma ben inserite nel paesaggio circostante, sono costituite da un’area interna e da un parco termale esterno dove si trovano ben 25 piscine.

Oltre alle piscine è possibile accedere all’area saune, queste sono famose per essere nudiste! Infatti, alle saune delle terme di Merano si entra senza costume da bagno, ma solo con l’asciugamano. Le saune disponibili sono molte, dalla classica sauna finlandese, al bagno di vapore Passerstein o al bagno di vapore Trauttmansdorff. Quest’ultimo bagno prende il nome appunto da Castel Trauttmansdorff a cui è ispirata la forma e in cui si coltivano le erbe vaporizzate in questo speciale bagno di vapore. Se volete provare un’alternativa alla classica sauna Finlandese, è possibile provare la sauna al fieno biologico dell’Alto Adige. Dopo tanto calore, per raffreddarsi un po’, si può entrare nella Sala della Neve, qui delicati fiocchi di neve cadono dal soffitto alla temperatura costante di -10°C!

Per conoscere gli orari di apertura e le tariffe d’ingresso, potete leggere QUI.

Cosa vedere a Merano: i Portici

Portici di Merano
Portici di Merano

In centro storico del paese è caratterizzato dai portici bianchi e tondeggianti, sono differenti dai portici tipici di Bologna o Modena, ma come questi, sono ricchi di vetrine in cui acquistare prodotti e souvenirs, in più riparano dal maltempo! Consiglio di fare una passeggiata verso sera, le luci delle vetrine e la poca gente in circolazione, rendono questi portici molto affascinati e instagrammabili!

Cosa vedere a Merano: I giardini di Castel Trauttmansdorff

Se il vostro interesse principale è quello di visitare i giardini, ricordate che non sono aperti tutto l’anno, ma solo dal 1° Aprile al 15 Novembre. I giardini sono immensi e vi servirà una mezza giornata per visitarli al meglio. I giardini di Castel Trauttmansdorff sono giardini botanici, suddivisi in quattro giardini tematici (giardini di bosco, giardini solari, giardini acquatici e giardini a terrazza, nonché i giardini tematici sui paesaggi dell’Alto Adige) con 80 diversi paesaggi.

Trattandosi appunto di un giardino, il momento migliore per visitarlo è sicuramente la primavera, infatti, in questo periodo è possibile ammirare oltre 200.000 tulipani in fiore. Al centro del giardino si trova il Castello Trauttmansdorff dal quale i giardini prendono il nome. All’interno del castello si trovano un ristorante e il Museo del Turismo (Touriseum). Qui un tempo risiedevano invece l’imperatore Franceso Giuseppe e sua moglie, la famosissima Principessa Sissi. Per conoscere gli orari di apertura, gli eventi e cosa visitare, potete leggere QUI.

I giardini di Castel Trauttmansdorff - Foto di Katja Aust da Pixabay
I giardini di Castel Trauttmansdorff

Cosa vedere a Merano: Il Rione Steinach

Si tratta del quartiere più antico di Merano, risalente al Medioevo (XII secolo). Qui girando tra i vicoli stretti si incontrano grandi edifici d’epoca. È bello girovagare nel quartiere e ammirare le antiche scritte ancora presenti su alcuni muri e guardare le vetrine delle botteghe.

Cosa vedere a Merano:La torre delle polveri

Percorrendo la Passeggiatta Tappeiner, si giunge anche alla Torre delle Polveri o Torre Polveriera. Originariamente la torre era parte di un complesso fortificato di epoca medioevale, il Castello Ortenstein. Salendo le scale che conducono alla cima della Torre, è possibile godere di un panorama unico sulla Val d’Adige e verso la Val Venosta.

Cosa vedere a Merano:Musei

Il Museo civico (Palais Mamming Museum)

In piazza Duomo è visitabile la collezione del Museo Civico della Città, qui i reperti custoditi, offrono un viaggio nella storia della città, a partire dalla preistoria fino ai giorni nostri. Tra gli oggetti più famosi custoditi nel Museo troviamo una mummia egizia, un prototipo di macchina da scrivere e una maschera funebre di Napoleone.

Per informazioni su orari e mostre in corso, leggete QUI .

Touriseum

Come accennato precedentemente, il Touriseum è il Museo del turismo di Merano. Il Museo ha sede presso Castel Trauttmansdorff, antica residenza della Principessa Sissi e dell’Imperatore Francesco Giuseppe d’Austria.

Cosa vedere a Merano: Castelli

Il castello principesco

Si tratta di un castello perfettamente conservato di epoca medioevale. Il Castello fu costruito nel X secolo da Sigismondo d’Austria come residenza a Merano. Nella visita, in cui vedrete gli ex alloggi, la cucina, il bagno e l’armeria, verrete condotti in un breve “viaggio nel tempo” in cui rivivrete istanti di vita del Medioevo.

Castel San Zeno

Castel San Zeno, conosciuto anche come Zenoburg è costruito su uno sperone di roccia, chiamato Monte Zeno. Il Castello si trova al confine tra i Comuni di Merano e Tirolo. La sua posizione privilegiata assicura una vista mozzafiato sulla Val Passiria e sulla Città di Merano.

Altre attrazioni di Merano

Seggiovia Merano-Tirolo

Per raggiungere il caratteristico paese di Tirolo, è possibile utilizzare la seggiovia Merano-Tirolo detta anche “Seggiovia Panoramica”. La seggiovia, in attività sin dagli anni quaranta, è in funzione da aprile a ottobre. Superato il dislivello di 180 metri, permette poi di raggiungere il paese di Tirolo con il bus, o con una breve passeggiata. E’ anche possibile percorrere il sentiero Tiroler Steig, che conduce alla Passeggiata Tappeiner ed infine nuovamente a Merano.

Comprensorio sciistico Merano 2000

Merano 2000 è un comprensorio sciistico composto da 40 km di piste. La funivia permette di raggiungere gli impianti in pochi minuti. Anche per chi non ama sciare, ci sarà di sicuro qualcosa da fare, oltre alle passeggiate e al panorama, è possibile trovare ristoro in uno dei 15 rifugi presenti nel comprensorio.

Mercatini di Natale

Lungo il Torrente Passirio, si sviluppa il Mercatino di Natale. Profumo di strudel, vin brulè, musica natalizia. Il Mercatino di Natale di Merano è una festa per tutti i sensi. Le molte bancarelle che incontrerete lungo il percorso vendono prodotti come caramelle, tisane, salumi e calzettoni di lana, ma anche appetitosi piatti trentini, come i famosi canederli. Per riscaldarvi durante la vostra passeggiata, potete bere un bicchiere di vin brulè o di sidro caldo. La tazza “da passeggiata” vi viene lasciata al costo di una cauzione di 5€ e può essere restituita in qualunque area ristoro del mercatino. In alternativa potete tenerla come ricordo!

Un’idea su cosa fare la sera a Merano, ve la danno proprio i mercatini di Natale. Infatti in questo periodo, alla fine del mercatino è presente una zona aperta anche alla sera, in cui gustare davanti al fuoco, carne alla griglia, spätzle e frittelle di mele. Una valida alternativa al ristorante.

Cosa vedere vicino a Merano

Foresta Birrificio Forst

La birreria Forst, alla quale la località deve anche il proprio nome, è la fabbrica di birra più grande d’Italia, fondata nel 1857. Da non perdere, una visita alla fabbrica e un salto allo shop. Qui potrete acquistare gadget e birre che difficilmente si trova al supermercato, un vero paradiso per gli amanti della birra!

Dall’altra parte della strada si trova il ristorante, in cui vengono serviti ottimi piatti trentini. Il locale ampio e rumoroso è in stile trentino, così come i camerieri. Tra i piatti che abbiamo provato, ricordo bene i Krapfen Tirolesi ripieni di Papavero, triangoli di pasta fritta, ripieni di crema al papavero!

Anche al birrificio Forst è possibile festeggiare il Natale. Qui, oltre ad acquistare prodotti natalizi allo shop del birrificio, è possibile passeggiare per la Foresta Natalizia, in cui è possibile assaggiare piatti tipici trentini, bere una buona birra e passeggiare nella tenuta, perfettamente addobbata a tema natalizio. Noi l’abbiamo apprezzata molto, vi consiglio di farci un salto, almeno nel rientro verso casa!

Tirolo

Usando la Passeggiata Tappeiner o la seggiovia Merano-Tirolo, si arriva in paese. Il centro del paese è costituito dalla chiesa, risalente al 1600, mentre Castel Tirolo, ospita il Museo Culturale della Provicia di Bolzano.

Castel Tirolo - Foto di Milan Ivkovic da Pixabay
Castel Tirolo

Prodotti tipici

Tra i prodotti tipici del territorio che non potete farvi mancare ci sono sicuramente lo speck, un ottimo strudel e qualche prodotto a base di pino mugo (come le caramelle o il miele con immersa una grossa pigna). Non mancano poi i vini, come il Pinot Grigo e il Gewurztraminer.

Se volete assaggiare qualcosa di buono ecco alcuni dei piatti più famosi:

  • Piccoli gnocchetti di farina, gli spätzle possono avere vari colori, a seconda che siano mescolati con rapa, spinaci, o altra verdura. Questi vengono conditi con abbondante burro o formaggio e volendo cipolla fritta. Una bomba calorica, ma veramente ottimi!
  • I canederli invece, sono grossi gnocchi a base di pane raffermo e latte, insaporiti con speck, oppure formaggio o spinaci, vengono serviti in brodo o nella versione più golosa, con i burro fuso. Io ho provato a prepararli a casa usando la ricetta di Giallo Zafferano, le porzioni sono giuste, Io ho seguito alla lettera la ricetta e nonostante gli gnocchi fossero un po’ molli prima della cottura, si sono rivelati perfetti una volta impiattati! Attenti con il latte, potrebbe volercene meno a seconda del pane utilizzato.
  • I ravioli tirolesi, Chiamati anche Schlutzkrapfen, sono una pasta fresca a base di segale, ripiena di spinaci. Vengono serviti con l’immancabile burro fuso, formaggio e erba cipollina tritata.

Tra i dolci, ricordo lo strudel, per chi non lo conoscesse, si trattata di un dolce allungato, ripieno di mele, uvetta e pinoli, avvolto da una sottile pasta fragrante e ricoperto di zucchero a velo. Come dire di no ad una fetta di strudel?? Se infine capitate a Merano durante il periodo natalizio, potete provare i Krapfen Tirolesi ripieni. È una pasta fritta, tipo raviola, che viene riempita di marmellata o cioccolata, ma il ripieno più particolare è sicuramente quello ai semi di papavero. Un gusto particolare che vale la pena assaggiare!

Veduta dall'Hotel Stuberhof - Rifiano
Veduta dall’Hotel Stuberhof – Rifiano

Vi lascio con questo bellissimo paesaggio, è la veduta dalla camera del nostro alloggio, lo Stuberhof di Rifiano (Vernuer 2, 39010 Rifiano Italia) . Una sistemazione comoda e accogliente, in tipico stile trentino che noi abbiamo apprezzato molto! (P.S. è un po’ difficile da raggiungere in caso di neve o ghiaccio in auto, infatti si trova alla fine di una ripida salita!).

Se questo articolo vi è piaciuto, potete trovare tante altre idee visitando il sito, e rimanere aggiornati su nuovi articoli mettendo un like alla pagina Facebook di “Un Viaggio in Mente.

8 Risposte a “Cosa vedere a Merano e dintorni in 2 giorni”

  1. Che bei ricordi leggendo questo post! Abbiamo alloggiato a Tirolo, in un bellissimo hotel con vista sui vigneti circostanti, e poi abbiamo passato delle giornate indimenticabili a Merano. Ma la cosa più bella rimangono le terme. Davvero un posto unico, ben progettato e ricco di cose da fare. Non avrei lasciato mai più quelle piscine, ne il mio lettino sul prato!

    1. Anche a me Merano è piaciuta tanto, non abbiamo avuto l’occasione di provare le terme e ci siamo concentrati sui Mercatini di Natale. Spero di tornarci presto e di riuscire ad andare anche alle terme!

  2. Merano purtroppo non sono mai riuscita a vederla in inverno e spero di recuperare al piu presto, ho amato invece le sue terma aperte anche ai bambini

    1. I Mercatini di Natale di Merano sono davvero belli, noi siamo stati anche a Foresta che merita una visita per il suo birrificio. L’atmosfera di Merano per Natale è davvero festosa!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scroll on top