Cosa vedere a Otranto la località più orientale d’Italia

Oggi andiamo alla scoperta di una delle località più conosciute del Salento, una meravigliosa meta turistica per le vacanze estive e non solo

Le vie del centro storico

Otranto è una bellissima località del Salento, in Puglia, conosciuta per essere il paese più a est d’Italia. Tanto è il fascino di Otranto che lo abbiamo scelto come nostra meta per una vacanza estiva. Se anche voi avete in mente di scoprire la Puglia e il Salento, ecco cosa vedere a Otranto, tra attrazioni storiche e spiagge da favola.

Cosa vedere nel centro storico di Otranto

Questa località pugliese, presenta un centro storico ricco di strette stradine e piccole piazze, dove affacciano numerosi: locali, ristoranti e botteghe d’artigianato. Di giorno il centro storico appare di un bianco abbagliante, mentre la sera, le luci soffuse rendono questo intrico di viuzze romantico e molto suggestivo. Tra le attrazioni da non perdere nel centro storico di Otranto ci sono sicuramente il castello Aragonese e la Cattedrale.

Castello Aragonese di Otranto

Cosa vedere a Otranto, il Castello Aragonese

Consiglio di cominciare la visita di Otranto proprio da questo castello, che affaccia sull’omonima Piazza del Castello, dove si diramano poi le strette vie del centro storico. Il castello di Otranto fu realizzato per difendere la città alla fine del 1400 e il ponte levatoio permette di raggiungere la struttura superando il profondo fossato che la circonda. Il castello è circondato dai bastioni e da quattro torrioni, in più è possibile visitare anche i sotterranei. Il costo per visitare il castello Aragonese è di circa 6€, a seconda dell’esperienza che deciderete di provare.

La Cattedrale

Il mosaico della Cattedrale di Santa Maria Annunziata

Tra le cose da vedere ad Otranto, non può mancare la Cattedrale di Santa Maria Annunziata, realizzata nel XII secolo, ospita le spoglie di oltre 800 martiri della città salentina, uccisi il 14 agosto 1480 dai Turchi , per aver rifiutato la conversione all’Islam dopo la caduta della loro città.

Oltre ad essere la cattedrale più grande del Salento, custodisce al suo interno un’opera unica. Si tratta di un grande mosaico pavimentale realizzato tra il 1163 e il 1165 che i sviluppa attraverso scene tratte: dall’Antico Testamento, dai cicli cavallereschi, dai bestiari medievali e dal Romanzo di Alessandro. Le immagini rappresentate nel mosaico, ripercorrono l’esperienza umana dal peccato originale alla salvezza.

Il lungomare di Otranto

Conclusa la visita del centro storico di Otranto, si raggiunge il lungomare. Una bella passeggiata dove, nelle serate estive, si possono ammirare le famose luminarie tipiche delle feste patronali.

Le più belle spiagge di Otranto

Baia dei Turchi

Cosa vedere a Otranto, la spiaggia della baia dei Turchi
Baia dei Turchi

Si tratta di una delle spiagge più belle del Salento e della spiaggia più famosa di Otranto. Secondo la leggenda è in questa spiaggia che sbarcò l’esercito turco durante l’assedio di Otranto nel 1480. La baia dei Turchi, è nascosta alla vista da una fitta pineta e per raggiungerla si percorre un sentiero tra la vegetazione. La spiaggia è caratterizzata da sabbia bianca e mare cristallino, davvero imperdibili.

Spiaggia dei Laghi Alimini

Questa spiaggia si trova appena dopo la Baia dei Turchi, e prende il nome dai due laghi presenti nelle vicinanze, separati dalla spiaggia solo grazie alla pineta e alle dune circostanti. Anche questa spiaggia, lunga circa 6 chilometri, è caratterizzata da spiaggia bianca, fondali bassi ed acqua cristallina.

Altre attrazioni da vedere nei dintorni di Otranto

Cava di Bauxite

La cava di bauxite nei dintorni di Otranto

Queste cave sono sicuramente una delle cose da vedere nei dintorni di Otranto. Si tratta di una delle bellezze naturali del Salento e di una delle attrazioni più importanti dal punto di vista naturalistico, di tutta la Puglia.

La bauxite è una roccia sedimentaria che fu utilizzata per la produzione dell’alluminio e fino al 1976. A seguito della dismissione della cava, cominciò ad infiltrarsi acqua dalla falda sotterranea, che creò nel tempo un piccolo laghetto. Il paesaggio è caratterizzato da una terra rossa, in netto contrasto con l’acqua verde smeraldo del laghetto. Oltre a questo, una ricca vegetazione si contrappone alle pareti spoglie della cava.

Laghi Alimini

Cosa vedere nei dintorni di Otranto, i Laghi Alimini
I laghi Alimini

Si tratta di due laghi situati a nord della città di Otranto, perfetti per ammirare piante rare e animali. I due laghi sono collegati da un canale, denominato Lu Strittu. Mentre il lago Alimini Grande è stato generato dalla continua erosione del mare, Alimini Piccolo è generato da numerose sorgenti di acqua dolce. Il laghi sono caratterizzati dalla presenza di una fitta vegetazione dove è possibile ammirare piante, anche molto rare, come: l’orchidea di palude, la castagna d’acqua, e l’erba vescica. I laghi Alimini non sono balneabili, ma sono un’importante area di interesse naturalistico del Salento in cui ammirare piante e animali allo stato selvaggio.

Otranto è una bellissima località, ma sono molte le attrazioni da poter visitare in Salento e in Puglia in generale durante un soggiorno. Voi quali mi consigliate di scoprire in un prossimo viaggio?

/ 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Scroll on top