Isola dell’Asinara escursione in barca di 1 giorno

L’Isola dell’Asinara è quella che si trova proprio davanti a Stintino. Oltre ad essere Parco Nazionale è anche un’Area Marina Protetta. Questo comporta che solo i mezzi autorizzati possono organizzare gite nell’isola. Mentre, per sbarcare a piedi o in bicicletta, è possibile utilizzare i traghetti che partono da Stintino o da Porto Torres. Noi, per visitare questa splendida isola abbiamo scelto una gita in barca all’Isola dell’Asinara!

Tra le varie compagnie che effettuano questo tipo di visita, noi ci siamo affidati su consiglio di alcuni amici alla Compagnia Asinara Charter Service, gestita dai fratelli Marco e Domenico.

Rispetto ad altre compagnie che offrono gite in barca a vela o in catamarano, loro propongono qualcosa di più autentico e caratteristico, una bella giornata in mare sul motorsailer Cassiopea.

Vista di stintino dalla barca , in viaggio verso l'Isola dell'Asinara
Stintino

Isola dell’Asinara tour in barca da Stintino

Mattino

Il viaggio comincia alle 9.30 di mattina, partendo dalla marina di Stintino in direzione della prima sosta bagno. Dopo aver lasciato il porto, con una magnifica vista sul borgo di Stintino, in 30 minuti di navigazione si arriva alle Piscine naturali di Fornelli! Qui il mare è di un azzurro intenso, ricco di pesci e con acque caldissime! Una meraviglia tuffarsi in tutto questo blu.

Finita la sosta bagno, veniamo accolti sulla barca da un tagliere di salumi caserecci, formaggio e pane carasau, il tutto accompagnato da un bicchiere di vinello fresco. Quello che ci vuole per cominciare al meglio la giornata!

Piscine naturali di fornelli presso l'Isola dell'Asinara
Piscine Naturali di Fornelli

Dopo questa break molto gradito, si riparte e in circa un’ora di navigazione si arriva a Cala reale, per una sosta di circa un’ora. Cala Reale è uno dei due centri abitati dell’isola e oltre ai famosi asinelli bianchi, caratteristici dell’Asinara, è possibile visitare il CRAMA, Centro di recupero degli animali marini.

A Cala Reale avrete anche la possibilità di acquistare prodotti cosmetici al FarmAsinara. Si tratta di un piccolo edificio all’interno del quale si vendono prodotti per il corpo e il viso realizzati con le erbe raccolte sull’isola. L’isola dell’Asinara è il campo di studio in cui vengono identificate le materie prime dalle quali vengono poi realizzati i prodotti di FarmAsinara. Il primo laboratorio sperimentale, frutto di una ricerca applicata realizzata attraverso una collaborazione tra il Parco nazionale dell’Asinara e l’Università di Sassari, è stato denominato “FarmAsinara – Officine Cosmetiche dell’Asinara”. Vi consiglio di farci un giro e acquistare qualcosa, i prodotti sono unici e i profumi sono veramente caratteristici di questo luogo.

Isola dell'Asinara, Cala Reale, vista degli asinelli bianchi
Isola dell’Asinara- Cala Reale

Se non siete interessati a girare un po’ l’isola, potrete riposarvi al bar, oppure fare un altro tuffo dalla banchina che si trova proprio a fianco del porticciolo, anche lì l’acqua è magnifica.

Finita la sosta a terra, risaliamo sulla barca per dirigerci verso la seconda tappa bagno. Qui l’acqua passa dal blu ad un magnifico color verde acqua, e la seconda sosta passa magnificamente!

Pomeriggio

Vista delle acque nei dintorni di Stintino, l'Isola dell'Asinara
Veduta delle acque dell’Isola dell’Asinara

Concluso anche questo bagno, la vera sorpresa è il pranzo! Oltre a gustarlo sulla barca, in mezzo al blu dipinto di blu, in una tavolata unica e molto social, una menzione va fatta ai piatti. Il pranzo è cucinato direttamente in barca dai proprietari, abili cuochi che propongono un primo, secondo e dolcetti, il tutto annaffiato da un ottimo vino bianco. Finito anche il pranzo si riparte per l’ultima sosta bagno.

Vista delle acque nei dintorni di Stintino, l'Isola dell'Asinara
Veduta delle acque dell’Isola dell’Asinara

Anche qui ci siamo tuffati in un mare limpido, di un blu intenso circondati dal panorama dell’isola, veramente uno spettacolo! Il tempo passa in fretta quando ti diverti e a questo punto si è già fatto un po’ tardi. A malincuore siamo quindi ripartiti verso la terra ferma. Per raggiungere il porto di Stintino ci vuole all’incirca un’ora e nel mentre, se sarete fortunati avvisterete qualche delfino! Se invece come noi, non avrete questa occasione, dovrete accontentarvi di una merenda a base di pane e nutella! Diciamo che questi ragazzi sanno davvero come coccolare i loro ospiti.

Il ritorno è passato in fretta chiacchierando con i proprietari e con gli altri ospiti della barca, che ora mai, dopo una giornata passata insieme a nuotare e mangiare di gusto, sono diventati quasi degli amici!

Perché consiglio questo tour in barca all’Isola dell’Asinara: non so se sono stata fortunata, ma Marco e Domenico tengono al loro lavoro e lo fanno con passione. Non sarete lasciati soli durante il viaggio, conoscerete gente nuova e scoprirete tante nozioni sull’Isola dell’Asinara, sulla sua storia sui dintorni di Stintino e su quant’altro vogliate chiedere ai ragazzi della barca.

Vedrete posti meravigliosi e vi tufferete in un mare dai colori da favola. Per ultimo, ma non ultimo, mangerete veramente bene e nella vita cosa c’è di meglio che mangiare bene, vedere bei posti e conoscere gente simpatica??

Per altre informazioni su Stintino e su altre mete da visitare in Sardegna, leggete QUI! Se questo articolo vi è piaciuto, leggetene altri e mettete un like alla mia pagina Facebook! Grazie a tutti per il contributo!

2 Risposte a “Isola dell’Asinara escursione in barca di 1 giorno”

  1. Stavo parlando con mio marito dell’isola dell’Asinara ed eccomi capitata sul tuo blog! Con questo articolo mi hai messo una voglia pazzesca di andare da quelle parti per una vacanza… Sono appassionata di progetti di conservazione faunistica e il centro di recupero animali marini che citi per me sarebbe un sogno da visitare. Ma poi gli asinelli bianchi! Che belli!! E tutto il resto dell’escursione, naturalmente 😀

    1. L’Asinara è davvero una bella isola. Spero tu riesca a visitarla, a me il tour in barca è piaciuto molto. L’isola è difficile da girare in bicicletta soprattutto in estate, ma se siete appassionati di conservazione faunistica potrebbe piacervi il tour in jeep per visitare anche l’interno del’isola!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scroll on top
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: